Albana, Trebbiano, Pagadebit: vini bianchi romagnoli

Pensate che la Romagna sia solo Sangiovese? Se volete un buon consiglio, provate anche i vini bianchi di questa terra Albana di Romagna, Pagadebit e Sangiovese, non ve ne pentirete.

Albana di Romagna: caratteristiche e abbinamenti

L’Albana è un vino a bacca bianca prodotto in Emilia Romagna. Legata ad esso c'è una leggenda antica. Galla Placida, figlia di Teodosio l'Imperatore, si trovava di passaggio in un paesino romagnolo. Qui le offrirono un assaggio di Albana servendoglielo in una brocca di terracotta. La donna fu così entusiasta di quel nettare che affermò che esso dovesse essere bevuto in calici e brocche d'oro. Mentre alla corte di Teodosio, il vino Albana divenne una tradizione e veniva offerto anche ad ospiti illustri come Federico Barbarossa, che si concedeva frequenti sbronze. Il paesino, proprio a seguito di quella esclamazione, venne chiamato Bertinoro e tutt'ora si chiama così, è provincia di Forlì e viene considerato cuore della produzione dell'Albana, vitigno autoctono per eccellenza che ha conseguito la dicitura DOCG nel 1987. L'Albana viene prodotto in varie declinazioni. Può essere, infatti, secco, dal colore giallo paglierino ed il sapore caldo e asciutto, indicato soprattutto con il pesce; amabile, dal colore tendente al dorato ed il sapore fruttato; dolce che ha caratteristiche simili al precedente, ideale a fine pasto, e, infine, passito, con colore tendente all'ambrato e gusto vellutato, ideale da assaggiare insieme al formaggio di Fossa.

Pagadebit: caratteristiche e abbinamenti

Anche il Pagadebit è un vino bianco prodotto in Emilia Romagna. Esso deve il suo nome ad un'espressione dialettale che significa, appunto, pagare i debiti. Si tratta, infatti, di un vino molto resistente alle condizioni climatiche anche avverse e perciò adatto a pagare i debiti accumulati durante l'anno. Il Pagadebit è stato riconosciuto DOC nel 1988 e viene prodotto per l'80% con le bacche d'uva provenienti dal vitigno Bombino bianco a cui possono aggiungersi altre uve in misura del 15%. Il Pagadebit viene fatto vinificare all'interno di recipienti d'acciaio. Successivamente, viene svinato a basse temperature e poi imbottigliato. Questo vino viene prodotto in due varianti: secco e amabile. Il secco ha il tipico colore giallo paglierino con venature di verde mentre per quanto riguarda il sapore è asciutto con note floreali. Esiste anche il Bertinoro Secco. Per quanto riguarda l'amabile, invece, il colore è giallo carico mentre il sapore fresco e delicato. Esiste anche il Bertinoro Amabile.

Trebbiano: caratteristiche e abbinamenti

Il Trebbiano è un vino a bacca bianca di origine etrusco-romana che si diffuse rapidamente sui colli romagnoli e si adatta bene a diverse tipologie di clima. Nel corso dei secoli, il trebbiano è divenuto uno dei vitigni più coltivati al mondo. Esso ha riconosciuto la denominazione DOC nel 1973. Il Trebbiano viene prodotto in diverse tipologie: di soave, romagnolo, d'abruzzo e toscano. In linea di massima, si distingue per il suo colore giallo paglierino dal sapore armonico e fresco. Si tratta di un vino ideale per abbinare antipasti, aperitivi o le celeberrime piadine romagnole. Nelle sue versioni frizzanti, è perfetto come abbinamento a fine pasto per accompagnare il dolce

This article was updated on luglio 14, 2018