Fiano di Avellino & Greco di Tufo: vini bianchi dell'Irpinia

Fiano di Avellino e Greco di Tufo sono due vini molto diversi, ma nello stesso momento risultano complementari per alcuni aspetti. Sono grado di donare al consumatore la dolcezza e la struttura del vino stesso e sono abbinabili a quasi tutti i piatti della cucina Italiana. 
Il segreto di questi vini bianchi DOCG sta nella semplicità, nell'eleganza e nella loro longevità e soprattutto nell'esprimere il sapore delle terre Meridionali.

Fiano di Avellino: caratteristiche e abbinamenti

Il vino Fiano di Avellino prende il nome dalla Vitis Apiana, che ha un nesso con le api che erano particolarmente golose di tali uve ( data la dolcezza). Da vari studi, si è dedotto che il Fiano era già noto ai tempi del Medioevo e apprezzato anche in seguito da diversi imperatori. 
Furono, per la prima volta, i Greci ad importarlo in Italia. 
Oggi la sua produzione è ammessa nell'intero territorio della provincia di Avellino (paesi come Atripalda, Parolise, Grottolella, Mercogliano, S.Angelo a Scala).

Il vitigno Fiano presenta un'uva dalle bacche bianche, una foglia media pentalobata, e un'acino piccolo con una buccia dal colore giallo. 
Si tratta di un vitigno che si presta molto bene a terreni vulcanici, la cui maturazione avviene nel periodo a cavallo tra settembre e ottobre.

In passato, era considerato un vino tendenzialmente dolce e frizzante, oggi giorno si presenta come un vino ben strutturato, secco, intenso, e che migliora man mano che invecchia. 
Tra le sue caratteristiche organolettiche troviamo un colore giallo, un odore gradevole, intenso, fresco e infine un sapore fruttato (principalmente di frutta secca). 

Si abbina benissimo a piatti principalmente a base di pesce, ma anche a carni biachi e a formaggi freschi quali la Mozzarella di Bufala. 
Da servire ad un temperatura di circa 8 massimo 10 gradi centigradi.

Greco di Tufo: caratteristiche e abbinamenti

Il Greco di Tufo è un vino bianco pregiato, molto conosciuto sia in Italia che nel resto del mondo, che ha ottenuto nel 2003 la denominazione di origine controllata e garantita. 
Viene prodotto in provincia di Avellino e in comuni come Tufo da cui prende il nome e poi Torrioni, Chianche, Santa Paola,Montefusco, Petruno Irpino. 

Il vino Greco di Tufo si presenta con un colore giallo con diversi riflessi dorati e verdi, da più intenso a meno intenso. Con un odore forte ma allo stesso momento piacevole, caratteristico dolce e con un sapore prevalentemente secco e fresco. 
Il Greco di Tufo migliora sempre di più con l'invecchiamento e si presta bene alla produzione di spumante. 

Come vino si abbina bene a piatti a base di pesce, formaggi freschi e risotti con porcini. mentre come spumante si adatta bene ad antipasti freddi come salumi e prosciutti ed insaccati vari ma va bene anche come aperitivi prima di cominciare un pranzo. 
La temperatura ottimale di servizio si aggira tra gli otto e i dieci centigradi.

This article was updated on luglio 14, 2018